Facebook

Letture per bambini curiosi

Leggere (più volte detto, scritto, letto, sentito…) è qualcosa che fa bene ai bambini. Alla loro CAPACITA’ ATTENTIVA, al loro VOCABOLARIO ancora in formazione, al loro PENSIERO ancora fantastico e fantasioso. Fa bene per guardar oltre, per conoscere cose e storie nuove, per rivedere storie conosciute in altro modo, per identificarsi e staccarsi allo stesso tempo dai protagonisti delle storie, permette di immaginare.

Leggere sì! Ma non solo… 

I bambini PRIMA DEI 6 ANNI non sanno ancora leggere, la loro attività di fronte al libro è quella dell’ASCOLTO.

Non fermiamoci solo a questo però. Si è molto bello, arricchente, importante che i bambini sentano la voce di qualcuno che legge loro, ma ritengo sia importante non solo non forzare questa cosa, ma lasciare anche che i bambini si avvicinino da solI, con curiosità e nella piena libertà al libro, al suo “uso” (PER I PIU’ PICCOLI: toccarlo, annusarlo, morderlo; PER I PIU’ GRANDI osservarlo, girarlo, cercare tra le figure, perdersi in esse, osservare le parole scritte che per il momento rimangono semplici segni sulla pagina).

Cosa fare allora?

Rendere disponibili a casa, nei nidi nelle scuole dell’infanzia bei libri e albi illustrati. Disponibili nel senso di facili da raggiungere, da prendere, a portata di manina. E magari, se possibile, disporre un’area dedicata ai libri, con cuscini e luci non troppo forti e non troppo deboli, silenziosa e lontana dal frastuono casalingo o scolastico.

Lasciare che i bambini si avvicinino spontaneamente e che SCELGANO LIBERAMENTE dove posare la loro attenzione e curiosità.

QUALI LIBRI?

Libri belli, libri scritti e illustrati con cura. Poi una volta che queste condizioni sono presenti… fate voi!

Che bello lasciare e sentirsi liberi di scegliere… in base alla propria personalità, al proprio gusto e alle proprie voglie o esigenze.

ALCUNI SUGGERIMENTI PER MAMMA E PAPA’:

  • Tutti i libri di Leo Lionni!
  • I libri di Eric Carle (fra i più illustri creatori di albi illustrati, e che sostiene come l’albo illustrato sia il primo oggetto artistico che il bambino ha la possibilità di vedere, di tenere tra le mani, di esplorare, di guardare e riguardare a proprio piacimento).
  • Parole e suoni che si ripetono come in A caccia dell’orso andiamo, M.Rosen e H.Oxenbury; Dieci dita delle mani e dieci dita dei piedi,  M. Fox e H.Oxenbury
  • Libri sorprendenti come Smon Smon, S. Danowsky
  • Libri classici come Una tigre all’ora del tè, J.Kerr
  • E poi … fate voi … come ora che nell’aria si avvicina la primavera Poi … è primavera, J.Fogliano e E.Stea

Stefania Merlo

Lettrice libera e curiosa

Psicologa e Counsellor

Please follow and like us: