Facebook

PEDAGOGIA DELLA MEDIAZIONE

  Per chi non lo sapesse, il metodo Feuerstein si basa sulla Pedagogia della  mediazione, dando un ruolo centrale al MEDIATORE, ovvero colui che deve avere ben presenti i criteri di mediazione durante il processo educativo e l’intervento di apprendimento mediato. Per Feuerstein i criteri di mediazione sono: “un comportamento interattivo teso alla costruzione di modificabilità cognitiva”.
criteri di mediazione sono 12, ma i primi 3 sono i principali e non devono mai venire meno quando si attua un intervento. 

ELENCO DEI 12 CRITERI DI MEDIAZIONE:

  1. Intenzionalità e reciprocità: la prima è la volontà da parte del mediatore di entrare in relazione con il discente, creando un setting sia fisico che emotivo adatto, attirando la sua attenzione e il suo interesse. La seconda accade quando il soggetto mediato risponde agli stimoli proposti.
  2. Trascendenza: essa è la capacità di trasferire ciò che viene appreso in altri contesti della vita quotidiana.
  3. Mediazione del significato: esso è fondamentale in un’interazione tra mediatore e discente, poiché si apprende meglio ciò a cui si riesce a dare un valore di senso.
  4. Mediazione del senso di competenza;
  5. Mediazione della regolazione e del controllo del comportamento;
  6. Mediazione del comportamento di condivisione;
  7. Mediazione dell’individualità e della differenza psicologica;
  8. Mediazione della ricerca, della pianificazione e del conseguimento degli scopi;
  9. Mediazione della sfida nei confronti di sè stessi, della ricerca della novità e della complessità;
  10. Mediazione della consapevolezza della modificabilità umana e del proprio cambiamento;
  11. Mediazione dell’alternativa ottimistica;
  12. Mediazione del sentimento di appartenenza alla collettività. 

Please follow and like us:
error